La congiura mediatica contro Caracas

di Geraldina Colotti – il manifesto

7giu2014.- «La situa­zione in Vene­zuela non è molto lon­tana da quella che portò al rove­scia­mento di Sal­va­dor Allende nel Cile del 1973». Così si è espresso il gior­na­li­sta Mau­rice Lemoine, firma sto­rica diLe Monde diplo­ma­ti­que, al Forum inter­na­zio­nale Con­giura media­tica con­tro il Vene­zuela che si sta tenendo a Cara­cas. Un’iniziativa per denun­ciare «l’aggressione senza pre­ce­denti» subita dal governo socia­li­sta, ma anche per riflet­tere sui limiti, gli eccessi o gli errori del sistema di comu­ni­ca­zione bolivariano.

Prima con Cha­vez e poi con Maduro, gli allarmi lan­ciati dalla lea­der­ship boli­va­riana circa inge­renze e piani di golpe s’infrangono nel ven­tre molle dei grandi media, che tuo­nano con­tro un sistema «para­noico e fal­li­men­tare». Basta get­tare uno sguardo alle edi­cole, per vedere la realtà di un «lati­fondo media­tico» ancora in mano al set­tore pri­vato. Eppure, nono­stante 15 anni di con­senso, san­cito da innu­me­re­voli ele­zioni, quello cha­vi­sta resta per i media «un regime dittatoriale».

E per­sino…

View original post 367 altre parole

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Reblog e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...