Passiamo ad uno “sguardo lungo”

di MARCO REVELLI – Parlando di Pirlo tutti i commentatori di calcio – in questi giorni ancora più loquaci della pur rumorosissima nostra comunità – non mancano di sottolineare che la differenza tra un campione e un normale giocatore sta nel fatto che il primo alza la testa per guardare il campo mentre il secondo guarda il pallone (o le caviglie di chi gli sta intorno). Uso questa metafora calcistica perché credo che, nel nostro attuale dibattito, sia necessario un “cambio di sguardo”. Il passaggio a uno “sguardo lungo”, dall’analisi acribiosa dei giorni o delle settimane alla considerazione dei mesi o degli anni.

Proviamo a pensare, per esempio, come sarà considerato tra un paio di anni – non voglio dire “in prospettiva storica” perché sarebbe ampolloso, ma su un arco di tempo ragionevole in prospettiva politica – il risultato della lista L’Altra Europa con Tsipras alle elezioni europee del maggio…

View original post 3.424 altre parole

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...