C’è movimento a sinistra…

Non abbiamo bisogno né di roboanti radicalismi che conducono al settarismo, ma neppure di essere catturati dal “partito contenitore o della Nazione” di Renzi. L’autonomia è un bene prezioso che si misura proprio sulla capacità di condurre una lotta su due fronti: contro il settarismo minoritario, e contro la subalternità opportunistica al Pd.

di Sandro Valentini

Di certo dopo il voto alle Europee la Lista Tsipras non ha dato ai suoi elettori una bella immagine di sé. Prima la vicenda su quale seggio doveva optare Barbara Spinelli e la brutta lettera da lei inviata, poi la scissione a freddo ma lungamente preparata di Gennaro Migliore e una parte del gruppo parlamentare di Sel, hanno dato la netta sensazione di una sinistra cronicamente malata, divisa e incapace di stare insieme. La negatività di questi avvenimenti però almeno a me non ha sorpreso. Ero convinto (ed oggi lo sono ancor di più) che la Lista Tsipras fosse soltanto un cartello elettorale e dopo il voto “si sarebbe squagliata come neve al sole” proprio perché nata con l’incapacità di indicare un progetto politico per la sinistra. Troppo diversi, per cultura e politica, erano i soggetti che l’hanno sostenuta e nonostante i buoni propositi unitari i nodi…

View original post 1.553 altre parole

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Reblog e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...