La lotta ai corrotti si fa nelle piazze

contro analisi

Non è un caso che sia stato proprio nel giorno dello sciopero generale che il governo si è improvvisamente svegliato e ha annunciato che combatterà la corruzione. Ora diranno che erano misure allo studio da giorni, forse settimane: la realtà è che senza la pressione dei milioni di lavoratori che hanno rinunciato a una giornata di stipendio e dei precari, studenti, pensionati, cittadini che sono scesi in piazza (ieri ma anche nelle settimane scorse), Matteo Renzi non avrebbe avuto bisogno di giocare la carta mediatica dell’inasprimento delle pene per i corrotti, molti dei quali fanno parte della casta che lo sostiene e finanza; e dunque non lo avrebbe fatto.
Primo ministro lo è ormai da quasi un anno. Difficile credere che non sapesse che c’è del marcio in Italia; molto marcio. Il decreto legge che ha emanato l’altro ieri e al quale i giornali hanno immediatamente dato enorme rilevanza (eclissando…

View original post 565 altre parole

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Reblog e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...