Grecia chiama Italia, la vittoria di Syriza parla anche al sindacato

DEMOCRAZIA E LAVORO

La vittoria di Syriza parla a tutta la sinistra italiana, non solo quella politica, ma se vogliamo anche a quella sociale. Non solo perché tra i primi provvedimenti adottati dal governo guidato da Alexis Tsipras c’è il ripristino della contrattazione collettiva e l’aumento sostanzioso dei salari minimi, ma soprattutto perché le pratiche adottate dai compagni greci toccano le radici più profonde della storia del movimento operaio.
Come è noto le lavoratrici ed i lavoratori cominciarono ad organizzarsi, collettivamente, tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900 non solo sulla contrattazione vera e propria delle condizioni di lavoro, ma soprattutto a partire dalle esigenze materiali e quotidiane che le prime società industriali imponevano a larghe masse provenienti dalle campagne, i cui equilibri venivano distrutti da nuovi ritmi di vita e nuovi tipi di organizzazione sociale. Le prime leghe operaie, che diedero poi vita ai sindacati di categoria, provvedevano all’istruzione dei figli…

View original post 542 altre parole

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...