Benvenuti nella Ditta-crazia

DISSESTO IDEOLOGICO

Charles Bukowski sosteneva che “La differenza tra Democrazia e Dittatura è che in Democrazia prima si vota e poi si prendono ordini; in una Dittatura non c’è bisogno di sprecare il tempo andando a votare”, Ennio Flaiano aggiungeva inoltre che gli italiani siano irrimediabilmente fatti per la dittatura. In effetti, anche facendo la tara a queste citazioni, resta tangibile la nostra inclinazione per l’uomo forte al comando, seppur se calato nel moderno contesto democratico.

Dopo il ventennio fascista e la sciagurata avventura bellica al fianco di Hitler, l’Italia si scoprì fragile e si compattò intorno alle forze repubblicane antifasciste per dare alla luce la più bella Costituzione del Mondo; una carta perfettamente bilanciata con al centro il Parlamento bicamerale, adatta ai tempi del dopoguerra, ma che si è lentamente rivelata troppo ingessata per la velocità richiesta alla politica nel XXI secolo. Non è un caso se molti paesi…

View original post 316 altre parole

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...