Archivio mensile:ottobre 2015

Le strane elezioni portoghesi e il paradigma della sinistra che “non può governare”

“Emerge da questa vicenda una verità lampante: che anche solo l’idea di politiche di sinistra non può più essere tollerata dai capitali europei in questa fase di crisi, e che ogni misura atta a tutelare stato sociale, salari e diritti verrà in ogni modo avversata anche al di fuori dei limiti legali”

Pubblicità

UNA CERTA IDEA DI SINISTRA

OSSERVATORIO7

Destra e sinistra non sono la stessa cosa; gli uomini possono tradire degli ideali, ma non per questo essi perdono il loro valore. Sono convinto che se tutte le persone che hanno votato a sinistra sin dagli anni del dopoguerra avessero realmente condotto la propria vita osservandone i precetti, forse oggi la nostra società sarebbe diversa. Il diavolo è nei dettagli, come si dice.

Per me essere “di sinistra” significa almeno questo:

  1. Sentirsi cittadini del mondo, non di una nazione.
  2. Riconoscere le proprie radici nell’esperienza della Resistenza (e nelle lotte di liberazione di tutto il mondo).
  3. Non distinguere gli uomini sulla base della loro etnia, cultura, colore della pelle, ma per le loro idee e i loro comportamenti.
  4. Definire la propria libertà in funzione del bisogno dell’altro.
  5. Apprezzare la sobrietà come stile di vita.
  6. Combattere ogni forma di spreco, sia per favorire una più efficiente redistribuzione delle risorse, che per rispetto…

View original post 215 altre parole

La “cosa rossa” e il blocco delle amministrative

Essere Sinistra

il-pensatore

di Claudio BAZZOCCHI

Leggiamo che il tavolo della cosiddetta “Cosa rossa” troverebbe difficoltà a proseguire a causa del nodo delle amministrative e, quindi, delle alleanze. Ci sarebbe insomma una sorta di partito trasversale degli amministratori che resiste all’idea di rompere con il PD a livello locale.

Ora, che la questione delle alleanze e delle elezioni amministrative alle porte sia l’argomento di discussione di un tavolo che vuol dar vita a un nuovo partito della sinistra mi pare che dica alcune cose molto preoccupanti sulla natura dell’iniziativa. Infatti, non è preoccupante che si discuta e che ci si confronti, lo è perché si discute su cose di secondaria importanza.

Quando si decide di costituire un partito, infatti, prima dovrebbe venire il riferimento a una cultura politica condivisa su alcune questioni fondamentali: visione della società, forma-partito, collocazione del proprio paese nel Mediterraneo e quindi politica estera, come si interviene nel conflitto…

View original post 1.034 altre parole

Prepariamoci al Referendum

“Certo, battaglie di questo tipo richiederebbero un soggetto politico della sinistra, nuovo, unitario e combattivo. Invece, ancora una volta, questo obiettivo si allontana, per le divisioni circa l’alleanze alle prossime elezioni amministrative.”


CESARE SALVI-CESARE SALVI-

Le ragioni di critica alla riforma costituzionale approvata nei giorni scorsi dal Senato sono note, e non è qui il caso di riproporle. Un’ottima sintesi si trova nell’articolo (“la peggiore riforma”) di 6 autorevoli giuristi pubblicato da Il Manifesto del 13 ottobre.

È utile piuttosto interrogarsi sulle prossime tappe. Anzitutto, la legge deve tornare alla Camera per completare la prima lettura, votando le modifiche approvate dal Senato. A quanto pare, ciò avverrà a gennaio. A questo punto decorre il termine di 3 mesi per la seconda lettura da parte di Senato e Camera, nella quale non sono ammessi emendamenti: si vota solo il testo nel suo insieme, ed è richiesta la maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera. Va ricordato che senza i voti della minoranza del PD la legge non avrebbe la maggioranza assoluta al Senato, nonostante l’appoggio del gruppo di Verdini. È illusorio immaginare un ripensamento?…

View original post 739 altre parole

Firenze, Pd e Fi nascondono le spese di Matteo (DAVIDE VECCHI)

Triskel182

NardellaCompatti I dem e il capogruppo forzista bocciano l’idea di una relazione sui conti. “Non diamo spiegazioni”.

Il Partito democratico vota contro la trasparenza di Palazzo Vecchio. Dopo aver ricevuto tre bocciature alle tre richieste di accesso agli atti relativi alle spese di rappresentanza dell’ex sindaco Matteo Renzi, ieri l’opposizione ha presentato un emendamento per chiedere una relazione dell’organo di revisione del Comune (appena nominato dalla prefettura) che “esprima un parere contabile sulle spese di rappresentanza e l’uso del fondo economale del precedente sindaco”. Per “rendere la m a s s i m a t r a s p a r e n z a dell’amministrazione nella gestione e nella produzione dei documenti relativi alle spese sostenute da parte degliorgani eletti”.

View original post 208 altre parole

Un governo classista

Il rapace | Blog di informazione sociale

governoclassistaOramai dopo tutte le esperienze politiche che ho passato posso dire che questo governo e il governo più classista della storia repubblicana, neanche i governi di Berlusconi e della Democrazia Cristiana erano così classisti.

Questa sensazione che tanti già provano da tempo perché hanno subito le disastrose e intollerabili riforme direttamente e indirettamente sulla loro pelle.

Le privatizzazioni, l’arroganza, la marginalizzazione dei sindacati, dei lavoratori, della scuola pubblica sono all’ordine del giorno.

E’ un governo che amministra incontrastato il paese tentando di schiacciare le opposizioni, governo di un partito che si è convertito al credo del capo e che in ogni provincia cerca di costruire un inceneritore, cosi detti “benefici” dell’articolo 35 dello Sblocca Italia.

Il PD non è di centro, non è la DC, è proprio di destra. Almeno i governi democristiani avevano un minimo di giustizia sociale a differenza di questo esecutivo.

Un uso propagandistico ed esagerato dei…

View original post 112 altre parole