Lavorare meno è produrre meglio. Ma questo ai capitalisti non interessa

Essere Sinistra

lavorotempo

di Francesco BORGHESAN

Basta avere avuto la possibilità di lavorare in azienda per capire empiricamente, senza il bisogno di studi scientifici, ma tuttavia in modo certo, che ad una riduzione dei tempi di lavoro corrisponde un sicuro aumento del prodotto per ora lavorata (produttività) il che comporterebbe anche un aumento dell’occupazione per quei lavori che devono svolgersi in simbiosi con le macchine a causa dell’esigenza di maggiori turni di lavoro (lavorare meno, lavorare tutti).

La riduzione della disoccupazione aumenterebbe i consumi i quali, a loro volta, aumenterebbero gli investimenti innestando un circolo virtuoso di crescita economica.

Non da ultimo il minor stress lavorativo favorirebbe un innalzamento dell’età pensionabile. In sostanza la medesima logica di chi sostiene che una bassa tassazione aumenterebbe il gettito fiscale perché vi sarebbe un allargamento della complessiva massa imponibile, La teoria della curva di Laffer (economista statunitense che fu il supporto teorico alle politiche reganiane di…

View original post 635 altre parole

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...