Archivio mensile:novembre 2017

Costruire una sinistra popolare

Video dell’assemblea per una lista popolare
https://youtu.be/n2iQwVKZ-bE

Il Blog Di Giuseppe Aragno

Teatro ItaliaQuelli dell’«ex OPG, Je so’ pazzo», in perfetta linea con la loro storia di fertile squilibrio, hanno lanciato una «proposta impossibile» e l’hanno presentata così:
https://www.facebook.com/exopgjesopazzo/videos/1262643900508937

Subito dopo si sono interrogati:
«E’ possibile una sinistra di alternativa e davvero popolare, che FACCIA FATTI e non solo chiacchiere, è possibile che qualcosa in questo paese corrotto nasca dal basso, che un progetto nuovo non venga soffocato, che riesca – non diciamo a convincere – ma almeno a farsi vedere e riconoscere da milioni di persone che ne hanno bisogno?
E’ possibile non “rappresentare” le classi popolari, ma renderle protagoniste, farle irrompere sul teatrino elettorale, sfruttare questi mesi per sorprendere l’assetto di potere e far apparire i fantasmi, i rifugiati della crisi, quel benedetto spettro che ancora si aggira per l’Europa?»

Una risposta non l’hanno trovata, ma hanno deciso di andarla a cercare assieme alla gente, assieme a quel «popolo…

View original post 326 altre parole

Pubblicità

Tante assemblee per consegnarci a D’Alema e Bersani ? Noi No !

“Isolati lo siamo da un pezzo. Anche #Bersani dovrebbe interrogarsi dei suoi scarsi consensi. In #Italia la sinistra non esiste nonostante una crisi #sociale enorme. C’è un partito, #M5S, che incarna la protesta popolare anche di tanti elettori di sinistra. Si può rientrare in #parlamento, o restarci. Ma se non si restituisce credibilità alla #sinistra, se ogni tanto non si è fedeli a quello che si dice, si farà poca strada”.

Prc Brescia

«Non c’era bisogno di chiamare migliaia di persone in centinaia di assemblee per fare la lista di Bersani e D’Alema». Maurizio Acerbo, segretario Prc, è al forum di Marsiglia promosso dalla Sinistra europea con le sinistre latinoamericane. Da lì boccia il documento-base concordato Fra Mdp, Sinistra italiana, Possibile e civici del Brancaccio. Il guaio è che Rifondazione è una componente delle assemblee del Brancaccio. Non va bene il metodo, spiega: «Le forze del vecchio centrosinistra concordano un documento poi indicano un leader, Grasso. E invece le persone che in questi mesi hanno partecipato alle assemblee sono l’intendenza, chiamata ad accettare? Avevamo aderito al Brancaccio perché era un percorso all’interno del quale si definivano programma e regole sulla base degli orientamenti proposti da Tomaso Montanari. Il documento bisognava discuterlo anche con chi al Brancaccio partecipa, prima che con chi no».

Non avevate dato mandato per il tavolo che si riuniva nella…

View original post 779 altre parole