Archivi tag: attualità

Papa Francesco domani riceve Tsipras

umbriapost

tsipras3ROMA, 17 SET – Alexis Tsipras, leader del partito di sinistra Syriza, principale forza di opposizione in Grecia, verrà ricevuto domani da Papa Francesco in Vaticano. Lo riferiscono i media greci, affermando che il colloquio toccherà temi quali giustizia sociale, disoccupazione, immigrazione e la crisi in Medio Oriente.

Tsipras, secondo la stampa, sarà accompagnato dal portavoce del partito Panos Skourletis e da Walter Baier, coordinatore della rete europea per il pensiero alternativo ed il dialogo politico ‘Transform!’.

Il quotidiano Kathimerini online, nel riportare la notizia, ricorda come il Pontefice affronti frequentemente il tema della povertà nei suoi interventi.

Tsipras – che ha ripetutamente detto di non essere religioso – ha suscitato polemiche in Grecia quando in agosto ha visitato la ‘repubblica teocratica’ di Monte Athos, la comunità monastica ortodossa autonoma nel nord della Grecia, un passo che secondo molti commentatori intende aumentare il consenso del partito presso gli elettori più…

View original post 18 altre parole

Pubblicità

Fidel Castro: Riflessioni sull’attualità

Featured Image -- 1221E’ sempre un piacere leggere le riflessioni del compagno Fidel Castro.

ALBAinformazione

di Fidel Castro Ruz

La società mondiale non conosce tregua negli ultimi anni, in particolar modo da quando la Comunità economica europea, sotto la direzione ferrea ed incondizionata degli USA, ha ritenuto che era giunta l’ora di fare i conti con ciò che restava di due grandi nazioni che, ispirate alle idee di Marx, avevano compiuto la prodezza di porre fine all’ordine coloniale ed imperialista imposto al mondo da Europa e Stati Uniti.

Nella vecchia Russia cominciò una rivoluzione che commosse il mondo.

Ci si attendeva che la prima grande rivoluzione socialista si sarebbe verificata nei paesi più industrializzati d’Europa, come Inghilterra, Francia, Germania ed Impero austroungarico. Questa, senza dubbio, ebbe luogo in Russia, il cui territorio si estendeva in Asia, dal nord Europa sino al sud dell’Alaska, che era stato anche un territorio zarista, venduto per qualche dollaro al paese che sarebbe stato successivamente il più interessato ad attaccare…

View original post 1.368 altre parole

Recessione è…

Spiegatela al premier.
Che cos’è la recessione (in prosa).

Signora libertà,signorina anarchia

indifferenza

Recessione è l’inconsapevolezza di essere storia.
Recessione è l’economia trasformata in un concetto astratto.
Recessione è il denaro padrone.
Recessione è la cultura ritenuta fastidiosa.
Recessione è la tecnologia che appiattisce il sapere.
Recessione è la quotidiana guerra fratricida.
Recessione è considerare i morti un numero.
Recessione è la religione gerarchica.
Recessione è l’evasione dai propri doveri di cittadino.
Recessione è quando destra e sinistra non esistono più.
Recessione è il malaffare che continua a legiferare.
Recessione è la morte osservata comodamente sul divano.
Recessione è il consumo diventato l’unico nostro desiderio.
Recessione è il libro ritenuto uno strumento pericoloso.
Recessione è il voto cittadino non rispettato.
Recessione è l’assenza di meritocrazia.
Recessione è l’opinione giudicata reato.
Recessione è il silenzio protagonista.
Recessione è il cinismo.
Recessione è mancanza di curiosità.
Recessione è mancanza di entusiasmo.
Recessione è smettere di sognare.
Recessione è mancanza di cambiamento.
Recessione è la giustizia…

View original post 126 altre parole

“Per ripartire serve una fase Costituente Culturale e Politica”

Vecchi schemi da superare: società civile versus politica, movimenti contrapposti a partiti, spontaneismo contrò organizzazioni. Il tempo delle decisioni è ora. Solo una fase «costituente» culturale e politica potrà portare la sinistra italiana ed europea oltre la sconfitta epocale lasciataci in eredità del 1989. Cioè dal Novecento.

Nicola Fratoianni, Sel: Non siamo ricattabili

Nicola Fratoianni intervistato dal Manifesto, di Daniela Preziosi.
Una sin­tesi era pos­si­bile. Non l’hanno voluta. La rispo­sta è un ricatto e noi non siamo ricat­ta­bili. Ci hanno detto: arren­de­tevi senza condizioni.

Sinistra Ecologia e Libertà - Faenza

Ono­re­vole Nicola Fra­to­ianni, Renzi vi ha cac­ciato dalle alleanze future. Ha detto: «Una mag­gio­ranza con chi mi accusa di stu­prare la Costi­tu­zione non la farei: vin­ce­remo le regio­nali senza di loro».
Sono basito. L’impressione è che Renzi fati­chi a tro­vare gli argo­menti alle obie­zioni che noi fac­ciamo e quindi ci voglia solo zit­tire. La sua è pro­pa­ganda: noi non siamo Grillo, non par­liamo di ’stu­pro alla Costi­tu­zione’ né di ’colpo di stato’. Cri­ti­chiamo in modo duro una riforma che per noi è sba­gliata. Le alleanze non c’entrano niente, con­ti­nue­remo a par­lare di con­te­nuti. Gli ricordo solo che senza i voti di Sel oggi a Palazzo Chigi ci sarebbe Forza Ita­lia. E in molte realtà ter­ri­to­riali dove il cen­tro­si­ni­stra è buon governo, avreb­bero vinto le destre.

Lui è con­vinto che il suo Pd ce la farà da solo.
I demo­cra­tici nei ter­ri­tori la pen­sano come lui? In Sar­de­gna senza i voti…

View original post 633 altre parole

Cialtron Act – Renzi

Possiamo quindi valutare con lucidità il pericolo nel quale ci troviamo: stiamo sfasciando la Costituzione per nutrire il narcisismo infantile di un capo mandamento che certo non ha né il coraggio né la visione per rifiutare le regole dell’onorata società globale, ma neanche riesce a ubbidire con puntualità agli ordini che gli vengono dalla cupola.

  Da Il Simplicissimus

il Simplicissimus

RenziOgni giorno che passa il fil di fumo senza arrosto che abbaglia e nasconde prende le chiare forme della pochezza e dell’improvvisazione. Proprio di quella da bar che si lsi concretizzò nel ghe pensi mi di Berlusconi e che ora viene integrata con “ci pensa la politica” da Renzi. C’è da rimanere allibiti a sentire il guappo di Firenze, invelenito per le dichiarazioni di Cottarelli, ex Fmi e commissario alla spending review, il quale ha detto che si stanno dilapidando soldi che non ci sono: punto su un argomento davanti al quale occorre dare un minimo di corpo alla chiacchiera, Renzi si è lanciato in un gioco delle tre carte per confondere l’uditorio: prima “i numeri (della spending review ndr) sono quelli”, poi ” i numeri non sono un problema” e infatti ” non ci si deve incaponirsi sulle virgole” per concludere con l’acuta riflessione che non si deve lasciare che “gestire l’Italia…

View original post 393 altre parole

Sel avverte Renzi: “Si rompe tutto” (Salvatore Cannavò).

Da Il Fatto Quotidiano
La prova muscolare, quindi va avanti, e in ‪#‎Sel‬ invitano a ricordarsi del 2008, quando Walter Veltroni‬, dopo l’esperienza ‪#‎Prodi‬, decise di ‪‎rompere‬ qualsiasi rapporto alla ‪#‎sinistra‬ del ‪#‎Pd‬. Finì male‬, per tutti.

Triskel182

VendolaALLEATI IN GUERRA

Nichi Vendola ieri lo aveva fatto capire delicatamente: “Vogliamo capire – aveva spiegato in una intervista a Repubblica – se il Pd ha scelto un’alleanza strategica e di lungo periodo con la destra. In quel caso ne trarremo le conseguenze”. Massimiliano Smeriglio, che di Sel è il capo dell’organizzazione e che governa da vicepresidente la Regione Lazio, sentito dal Fatto è più esplicito: “Siamo pronti a tutto, anche a rompere le alleanze locali. Ma non credo che il Pd arriverà a tanto”.  SEL, DUNQUE, NON ARRETRA. Nel partito guidato da Vendola sembra che la scissione di Gennaro Migliore abbia conferito nuova energia: “Il mio rammarico, dice Smeriglio, è che poteva essere così fin dall’inizio della legislatura perché si può fare una battaglia dura anche con numeri esigui”. Il dato politico è sotto gli occhi di tutti: Sel sembrava marginalizzata e tramortita dall’esodo di deputati che l’hanno…

View original post 342 altre parole