Archivi tag: News

La Stampa – Raul Castro a Obama: “Cuba resta comunista”

Cuba resta comunista. Passata l’euforia dei giorni scorsi, dopo l’avvio della normalizzazione dei rapporti con gli Usa, Raul Castro lo chiarisce in Parlamento, dove ribadisce che il Paese «non cambierà il suo sistema politico». Nel discorso, durato meno di un’ora, Castro ha proclamato la vittoria del suo popolo, ha ringraziato Obama per l’inizio di «un nuovo capitolo» ma ha anche ribadito che questa nuova fase dei rapporti non significa la fine del regime comunista a Cuba. «Come non abbiamo mai chiesto agli Usa di cambiare il suo sistema politico, chiediamo rispetto per il nostro», ha avvertito……

La Stampa – Raul Castro a Obama: “Cuba resta comunista”.

Pubblicità

A Pisa si ritrova la Sinistra, tutta la Sinistra | EsseBlog

“Certe speranze sono dure a morire e quella di assistere alla rinascita italiana di una nuova, incisiva e determinante sinistra unitaria resta la più difficile da realizzare, quanto meno nel breve periodo. Non tutti la pensano così e molti contesteranno questa mia affermazione, ma con una devastante dose di realismo la situazione odierna non apparirà tanto diversa da come l’ho brutalmente rappresentata.”

Certe speranze sono dure a morire e quella di assistere alla rinascita italiana di una nuova, incisiva e determinante sinistra unitaria resta la più difficile da realizzare, quanto meno nel breve periodo. Non tutti la pensano così e molti contesteranno questa mia affermazione, ma con una devastante dose di realismo la situazione odierna non apparirà tanto diversa da come l’ho brutalmente rappresentata. – See more at: http://www.esseblog.it/tutti-gli-articoli/a-pisa-si-ritrova-la-sinistra-tutta-la-sinistra/#sthash.OLeQQJb3.dpuf “Certe speranze sono dure a morire e quella di assistere alla rinascita italiana di una nuova, incisiva e determinante sinistra unitaria resta la più difficile da realizzare, quanto meno nel breve periodo. Non tutti la pensano così e molti contesteranno questa mia affermazione, ma con una devastante dose di realismo la situazione odierna non apparirà tanto diversa da come l’ho brutalmente rappresentata.”

Da Esseblog – leggi http://www.esseblog.it/tutti-gli-articoli/a-pisa-si-ritrova-la-sinistra-tutta-la-sinistra/

Certe speranze sono dure a morire e quella di assistere alla rinascita italiana di una nuova, incisiva e determinante sinistra unitaria resta la più difficile da realizzare, quanto meno nel breve periodo. Non tutti la pensano così e molti contesteranno questa mia affermazione, ma con una devastante dose di realismo la situazione odierna non apparirà tanto diversa da come l’ho brutalmente rappresentata. – See more at: http://www.esseblog.it/tutti-gli-articoli/a-pisa-si-ritrova-la-sinistra-tutta-la-sinistra/#sthash.OLeQQJb3.dpuf
Certe speranze sono dure a morire e quella di assistere alla rinascita italiana di una nuova, incisiva e determinante sinistra unitaria resta la più difficile da realizzare, quanto meno nel breve periodo. Non tutti la pensano così e molti contesteranno questa mia affermazione, ma con una devastante dose di realismo la situazione odierna non apparirà tanto diversa da come l’ho brutalmente rappresentata. – See more at: http://www.esseblog.it/tutti-gli-articoli/a-pisa-si-ritrova-la-sinistra-tutta-la-sinistra/#sthash.OLeQQJb3.dpuf

Pd sconfitto, sinistra ferma

I risul­tati delle ele­zioni par­lano chiaro: la “nar­ra­zione” ren­ziana è in crisi, ma le forze a sini­stra del Pd non appa­iono una alter­na­tiva credibile.

I sin­tomi di crisi del ren­zi­smo sono nel bru­sco calo dei votanti in realtà tanto diverse come Emi­lia e Cala­bria. Il feno­meno indica non solo l’incrinarsi del potere di attra­zione del pre­mier, ma anche con­si­stenti segnali di ribel­lione dell’elettorato di sini­stra verso il Pd. Inol­tre, per la prima volta i gril­lini non inter­cet­tano il malcontento.

Sem­bre­rebbe una situa­zione eccel­lente per chi voglia pro­porre una alter­na­tiva di sini­stra.

Pd sconfitto, sinistra ferma – ilmanifesto.infoGuido Liguori

“Una coalizione possibile” di Marco Bascetta

La gior­nata di ieri, 14 novem­bre, ci ha fatto regi­strare un evento che i gover­nanti faranno bene a valu­tare seria­mente: la rot­tura di quella pace sociale sem­pre più fon­data sulla ras­se­gna­zione e sull’impotenza, sem­pre meno sulla sod­di­sfa­zione dei biso­gni e la soli­dità dei diritti, di cui il par­tito della Restau­ra­zione “nuo­vi­sta” si ali­menta. Que­sto cam­bio di mar­cia, que­sta acce­le­ra­zione non ha copy­right. Non quello dei metal­mec­ca­nici che hanno messo in campo la loro pur cospi­cua forza, non quello di una Cgil che si dispone allo scio­pero gene­rale, né quello dei sin­da­cati di base, dei movi­menti, dei pre­cari, degli stu­denti o degli innu­me­re­voli esclusi dal lavoro cer­ti­fi­cato e retri­buito come tale. Il suc­cesso di que­sta gior­nata di lotta, che ha attra­ver­sato rumo­ro­sa­mente decine di città ita­liane, appar­tiene a una “coa­li­zione” pos­si­bile, non intesa come som­ma­to­ria di diversi inte­ressi cate­go­riali e sociali, ma come intel­li­genza, pie­na­mente poli­tica, della neces­sità di scon­trarsi con il modello neo­li­be­ri­sta e con i dispo­si­tivi sem­pre più acca­niti di estra­zione di valore e di risorse da una coo­pe­ra­zione sociale che si estende dal lavoro dipen­dente a un mul­ti­verso di atti­vità senza nome e senza reddito.

Da Una coalizione possibile – ilmanifesto.info

il manifesto, oggi, a soli 20 euro

safe_imageL’ho preso. Non potevo fare altrimenti.

C’ero nel giugno 1981, quando il “quotidiano comunista” si fece comprare a mille lire (i giornali ne costavano 400).
C’ero il 19 dicembre 1997 quando Luigi Pintor scrisse“Cara libertà” e il giornale fu messo in vendita a 50.000 lire.
C’ero nell’estate 2006, quando per 4 volte il quotidiano uscì a 5 euro e anche nel dicembre 2008, quando si toccò il tetto dei 50 euro.
Infine il 28 aprile 2009, 38esimo compleanno, ancora a 10 euro.

Puro accanimento.
Lo stesso che mi fa montare la rabbia per quelli che criticano la Cgil per aver convocato uno sciopero generale il 5 dicembre, come se far sciopero non volesse dire perdere soldi e convocarlo nel momento migliore (alla vigilia non di un ponte, stupidi che lo dite, ma di un semplice lunedì festivo) non fosse anche questo un diritto. Un diritto che si riallaccia al…

View original post 182 altre parole

Muro di Berlino, nel 25° della caduta i comunisti tornano al potere in Turingia – Il Fatto Quotidiano

Muro di Berlino, nel 25° della caduta i comunisti tornano al potere in Turingia – Il Fatto Quotidiano.

postcomunisti tedeschi di Die Linke, la sinistra, hanno superato l’ultimo scoglio per poter assumere, per la prima volta, la guida di un governo regionale formando un esecutivo con Spd e Verdi (rispet­ti­va­mente 28%, 12% e 6% alle elezioni regio­nali). La proposta di avviare un negoziato su un’alleanza per un governo di coalizione presieduto dall’ex sindacalista Bodo Ramelow (Die Linke) è stata accettata da una maggioranza del 69,93% degli aderenti alla Spd nel Land. L’alleanza rosso-rosso-verde metterà la parola fine a 24 anni di governo della Cdu, partito di cui è espressione la cancelliera.

Il Papa ai movimenti popolari: “Terra, casa, lavoro: continuate la vostra lotta” – Repubblica.it

Il Papa ai movimenti popolari: “Terra, casa, lavoro: continuate la vostra lotta” – Repubblica.it.

Francesco: “Nessuno rimanga senza diritti. La solidarietà non è semplice generosità, ma comunità. Mi accusano di essere comunista, ma l’amore per i poveri è scritto nel Vangelo. I meno abbienti non si accontentano di promesse illusorie, anche se si vuol farli tacere” Lo ha detto il Papa ad alcuni movimenti popolari, tra cui quello legato allo storico centro sociale milanese Leoncavallo, sottolineando che questo incontro “non risponde a nessuna ideologia”.

Pistole elettriche Taser agli agenti E domani il debutto delle actioncam

Pistole elettriche Taser agli agenti E domani il debutto delle actioncam


Pistole elettriche Taser agli agenti E domani il debutto delle actioncam
.

Tele­ca­mere sulla divisa e pistola elet­trica Taser. Aspet­tando la «cura dima­grante» per i cin­que corpi delle forze dell’ordine pro­messa da Renzi e osteg­giata dai sin­da­cati di cate­go­ria, nel frat­tempo ci si pre­para a for­nire agli agenti di poli­zia un nuovo arma­men­ta­rio. Ieri le com­mis­sioni Giu­sti­zia e Affari costi­tu­zio­nali della Camera hanno dato il primo via libera all’utilizzo in via spe­ri­men­tale della pistola Taser che «nel Nor­da­me­rica (Usa e Canada) ha mie­tuto almeno 864 vit­time dal 2001», secondo quanto denun­ciato da Amne­sty inter­na­tio­nal, appro­vando un emen­da­mento del ber­lu­sco­niano Gre­go­rio Fon­tana al decreto legge sugli stadi…
http://ilmanifesto.info/pistole-elettriche-taser-agli-agenti-e-domani-il-debutto-delle-actioncam/