Archivi tag: Rifondazione Comunista

IL MODELLO MARCHE AI TITOLI DI CODA!

Dal Cantiere delle Altre #Marche – #SinistraUnita
Comitati de L’Altra Europa con Tsipras – Sinistra Ecologia e Libertà – Partito dei Comunisti Italiani – Partito della Rifondazione Comunista.

cantiere sinistra marcheCOMUNICATO STAMPA

Il modello Marche costruito dal PD basato sull’alleanza con i conservatori dell’UDC, imperniato su Spacca, eretto contro la sinistra si è spezzato ed è deflagrato. E, come ogni sorda lotta per il potere è arrivata ai titoli di coda, sta degradando in lancio di stracci e contumelie fra ex soci.

Oggi si scaricano addosso pesanti reciproche accuse: Spacca dicendo che il PD non ha la capacità di governare il futuro, il PD dicendo che Spacca è attaccato alla poltrona e di non voler innovare.

Eppure hanno governato insieme e a lungo, condividendo in sintonia le stesse politiche.

Parlano di centro-sinistra, eppure – entrambi – continuano a disputarsi le spoglie del centro destra. La realtà è che hanno governato insieme e hanno fallito tutti. Non c’è qualcuno che possa chiamarsi fuori.

  • Portano la responsabilità di non avere programmato e di non avere governato, in modo adeguato, una crisi che…

View original post 283 altre parole

Pubblicità

A Pisa si ritrova la Sinistra, tutta la Sinistra | EsseBlog

“Certe speranze sono dure a morire e quella di assistere alla rinascita italiana di una nuova, incisiva e determinante sinistra unitaria resta la più difficile da realizzare, quanto meno nel breve periodo. Non tutti la pensano così e molti contesteranno questa mia affermazione, ma con una devastante dose di realismo la situazione odierna non apparirà tanto diversa da come l’ho brutalmente rappresentata.”

Certe speranze sono dure a morire e quella di assistere alla rinascita italiana di una nuova, incisiva e determinante sinistra unitaria resta la più difficile da realizzare, quanto meno nel breve periodo. Non tutti la pensano così e molti contesteranno questa mia affermazione, ma con una devastante dose di realismo la situazione odierna non apparirà tanto diversa da come l’ho brutalmente rappresentata. – See more at: http://www.esseblog.it/tutti-gli-articoli/a-pisa-si-ritrova-la-sinistra-tutta-la-sinistra/#sthash.OLeQQJb3.dpuf “Certe speranze sono dure a morire e quella di assistere alla rinascita italiana di una nuova, incisiva e determinante sinistra unitaria resta la più difficile da realizzare, quanto meno nel breve periodo. Non tutti la pensano così e molti contesteranno questa mia affermazione, ma con una devastante dose di realismo la situazione odierna non apparirà tanto diversa da come l’ho brutalmente rappresentata.”

Da Esseblog – leggi http://www.esseblog.it/tutti-gli-articoli/a-pisa-si-ritrova-la-sinistra-tutta-la-sinistra/

Certe speranze sono dure a morire e quella di assistere alla rinascita italiana di una nuova, incisiva e determinante sinistra unitaria resta la più difficile da realizzare, quanto meno nel breve periodo. Non tutti la pensano così e molti contesteranno questa mia affermazione, ma con una devastante dose di realismo la situazione odierna non apparirà tanto diversa da come l’ho brutalmente rappresentata. – See more at: http://www.esseblog.it/tutti-gli-articoli/a-pisa-si-ritrova-la-sinistra-tutta-la-sinistra/#sthash.OLeQQJb3.dpuf
Certe speranze sono dure a morire e quella di assistere alla rinascita italiana di una nuova, incisiva e determinante sinistra unitaria resta la più difficile da realizzare, quanto meno nel breve periodo. Non tutti la pensano così e molti contesteranno questa mia affermazione, ma con una devastante dose di realismo la situazione odierna non apparirà tanto diversa da come l’ho brutalmente rappresentata. – See more at: http://www.esseblog.it/tutti-gli-articoli/a-pisa-si-ritrova-la-sinistra-tutta-la-sinistra/#sthash.OLeQQJb3.dpuf

La sinistra italiana a Firenze con Tsipras, un successo

umbriapost

1506448_1558127281070077_6220626720170393799_ndi red. – La prima delle cinque giornate organizzate da Transform! e dall’associazione Rosa Luxemburg  a Firenze “L’agenda neoliberista e le socialdemocrazie europee” è stata un successo.

La sinistra italiana, a partire dall’esperienza de L’Altra Europa e con la Sinistra Europea come punto di riferimento continentale, torna a dialogare per costruire un percorso autonomo ed alternativo in Europa e in Italia.

All’auditorium di Santa Apol­lo­nia si sono confrontati stu­diosi, sin­da­ca­li­sti, poli­tici, eco­no­mi­sti ed espo­nenti dei movi­menti pro­ve­nienti da tutta Europa. Presenti Nichi Ven­dola e Paolo Fer­rero, Marco Revelli e Alfonso Gianni e anche i due demo­cra­tici “non ren­ziani” Ser­gio Cof­fe­rati e Pippo Civati. Significative le presenze degli europarlamentari de L’Altra Europa Curzio Maltese e Eleonora Forenza.

La pre­senza di Ale­xis Tsi­pras ha rappresntato uno stimolo decisivo per andare avanti, a partire dalla manifestazione del 29 novembre dell’Altra Europa e dallo sciopero generale del 5 dicembre della Cgil per contrastare le politiche europee di austerità…

View original post 156 altre parole

Per costruire la nuova Campania

Featured Image -- 2207Le forze politiche e i movimenti firmatari del Manifesto ”Per Costruire la nuova Campania”, hanno ritenuto indispensabile avviare un confronto impegnativo, in vista della prossima competizione elettorale regionale, poiché ogni ritardo non potrà che costituire un vantaggio per il centro destra.

La crisi  manifestatasi in Europa ed in  Italia  nel  2008 con i suoi successivi allarmanti sviluppi ha ulteriormente aggravato la già precaria situazione sociale ed economica della Campania. Di fronte all’emergere di tale inquietante quadro sarebbe stata indispensabile, da parte delle forze di governo della regione, una risposta capace di incidere significativamente nei processi e di contrastare i fenomeni  di degrado sociale e di impoverimento della popolazione. Ma così non è stato.

Le politiche recessive messe in atto dalla giunta Caldoro si sono cumulate con gli effetti della crisi andandosi a scaricare sui soggetti più deboli.

Gli indicatori ci dicono che la disoccupazione giovanile e femminile ha raggiunto livelli intollerabili, che sono  aumentate  le forme di  povertà, che il diritto alla salute non è più garantito, che l’assistenza non è più assicurata, che il  settore dei servizi e dell’edilizia non  mostrano alcun segnale di ripresa, che la crisi industriale ha assunto dimensioni  crescenti  tali da compromettere definitivamente la struttura produttiva della nostra Regione. Per non parlare della crisi ambientale e del ruolo e il peso assunto dai poteri criminali, contro cui va rilanciata con forza la lotta.

Occorre una svolta.

Si impone la necessità di una politica che stimoli la partecipazione e che sia in grado di assicurare risposte.

Occorre contrastare le politiche clientelari e degli annunci.

Occorre serietà  negli indirizzi politici e programmatici, ma più di ogni altra cosa, un ethos civile che  dia vigore ed accompagni una reale rinascita della Campania, dopo un quinquennio di malgoverno.

Di fronte a questo stato di cose non intendiamo rimanere fermi.

Le condizioni della Campania inchiodano le forze che hanno governato con Caldoro alle loro responsabilità e rendono non percorribile qualsiasi tentativo trasformistico.

L’iniziativa si rivolge ai territori, al mondo dell’associazionismo e dei saperi, al mondo del lavoro e del non lavoro, ai giovani, alle donne, ai pensionati di questa nostra Regione; alle forze politiche che credono non più rinviabile un processo di rinnovamento, allo stesso Partito Democratico che deve uscire dal clima congressuale che sta caratterizzando la sua attuale stagione politica.

La direzione del PD ha indicato una data per lo svolgimento delle primarie, ma ha lasciato aperti i punti relativi alle scelte programmatiche e al carattere e al confine della coalizione.

Il PD non usi il rapporto con De Magistris come alibi, per guardare a destra e a forze che ancora adesso sono in giunta con Caldoro. La vicenda di Napoli va affrontata con serietà, rispetto, senza mai confondere  la necessità di dare risposte ai drammi enormi di questa grande realtà, con lo scontro politico e gli interessi di parte.

Serve un confronto chiaro, in tempi rapidi.

Un cambio di passo che parli alla Campania.

Un’iniziativa che punti a qualificare i contenuti programmatici e a superare i tatticismi in nome della chiarezza, appunto, sul carattere e i confini della coalizione e che, anche in questo momento di  iniqui tagli alle Regioni e ai Comuni, si ponga l’obiettivo, contrariamente a quanto fatto da Caldoro, di utilizzare le risorse europee.

È questa la scommessa che è di fronte alla coalizione del cambiamento e che dobbiamo concorrere a costruire.

La Campania, come a tutto il Mezzogiorno, esce penalizzata dal decreto “Sbloccaitalia”, non solo per le risorse sottratte,  ma per le norme che contiene. Norme che se finissero per i prossimi 5 anni  nelle mani di un centrodestra, che non ha avuto vergogna di partorire a luglio il collegato, impugnato poi dal governo, finirebbero  per produrre uno scempio del territorio sul piano ambientale, culturale ed economico, e un insulto alla sostenibilità, alle prerogative preziose dell’agro-alimentare e del turismo proprie della nostra regione.

È questo il quadro entro cui individuiamo le priorità su cui far convergere il programma di governo:

  • la ricostruzione su basi nuove della rete della sanità pubblica e dei servizi sociali;
  • la definizione di una proposta per il lavoro e per le politiche industriali: dal  piano straordinario per la manutenzione urbana, all’investimento in formazione e conoscenza sostenendo l’uso trasparente dei fondi disponibili, alla introduzione di misure di contrasto alle povertà e di sostegno al reddito;
  • l’apertura di un tavolo con il governo per dare una soluzione alle vertenze in corso e per impedire l’ulteriore smantellamento di aziende, oltre che per sostenere la necessità di mettere in campo nuovi investimenti;
  • la cura dell’ambiente e dei beni comuni quale scelta di una nuova prospettiva  di sviluppo economico. La green-economy non è un lusso, ma una scelta obbligata per far ripartire un nuovo modello di sviluppo, per creare lavoro, per mettere in campo innovazioni di processo e di prodotto, per produrre energia pulita.                                    Intervenire sulla terra dei fuochi,  bloccare il dissesto del territorio, mettere in campo nuove politiche abitative, affrontare il rischio vulcanico,  decidere che l’acqua e la sua gestione devono essere pubbliche e dunque sottratte alle logiche del profitto, scegliere che non è necessario costruire nuovi inceneritori,  investendo sul ciclo completo fondato sulla differenziata,  significa compiere scelte di governo nuove, di discontinuità rispetto al passato;
  • il pieno sostegno alla qualità della Scuola pubblica, al mondo della  pubblica Università e della Cultura;
  • il rilancio e la difesa  del trasporto pubblico locale, insieme al  contrasto ad un piano indiscriminato di dismissione delle partecipate, lavorando  al superamento delle criticità esistenti,  tutelando i lavoratori e le lavoratrici e garantendo il mantenimento dei servizi pubblici;
  • la costruzione della nuova Regione, sul terreno dei compiti, delle funzioni legislative e d’indirizzo, del trasferimento delle funzioni di gestione ai Comuni e alla nascente area Metropolitana

Su questa impostazioni e per  rendere visibile la nostra azione in vista del prossimo  impegno elettorale, importante quanto mai per il destino della Regione Campania, Sel, PRC, PdCI, IDV, P. del LAVORO, SIM, Assoc.R.D. hanno indetto, per presentare “Il Manifesto Per Cambiare la Campania”, una prima iniziativa per il giorno 5 Novembre alle 16 presso la sala del Consiglio Comunale via Verdi 35 Napoli.

Repressione – Metalmeccanici Fiom per il lavoro e i diritti. I lacrimogeni non riusciranno a fermare la protesta

Ezio Locatelli

DSCF5112Ezio Locatelli, segretario provinciale Prc di Torino ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Vogliono soffocare sul nascere il movimento di opposizione che sta insorgendo contro le politiche antisociali e di smantellamento dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori portate avanti dal governo Renzi. Questo è quello che si è visto questa mattina in occasione del riuscito sciopero regionale e della partecipata manifestazione dei metalmeccanici della Fiom  in piazza Castello a Torino.  La polizia, dopo aver inizialmente risposto con un fitto lancio di lacrimogeni ad un innocuo lancio di uova in direzione di un corteo degli studenti, non ha trovato di meglio che accrescere il clima di tensione sparando lacrimogeni anche in direzione della manifestazione dei metalmeccanici in corso in piazza Castello. Noi eravamo presenti e abbiamo potuto vedere. Il lancio indiscriminato e arbitrario di lacrimogeni ha disperso gran parte dei manifestanti convenuti alla manifestazione della Fiom. Era questo l’obbiettivo delle forze…

View original post 39 altre parole

“Anche l’Italia riconosca la Palestina”

umbriapost

di Fabio Amato e Paolo Ferrero – Il voto del Parlamento inglese favorevole al riconoscimento dello stato palestinese è un atto che va imitato.
Il Parlamento italiano segua l’esempio di quello britannico e impegni il governo a riconoscere lo stato palestinese, senza piegarsi alle minacce del governo di estrema destra israeliano, responsabile dei crimini di guerra di Gaza. E’ un atto doveroso, che può contribuire a sbloccare l’inerzia della comunità internazionale e finalmente veder riconosciuto il diritto del popolo palestinese al proprio stato, e a costringere Israele a fermare la sua opera incessante di colonizzazione di Gerusalemme Est e dei territori palestinesi.

View original post

SOGNANDO LANDINI, LA SINISTRA RADICALE CHIAMA IL LEADER FIOM (Antonello Caporale).

Il fatto quotidiano di Nadia Campini
“Landini si trova all’orizzonte un deserto di sigle ma un tesoro di virtù possibili. C’è una unione di bandiere: i comunisti di Rifondazione, quelli più socialdemocratici di Vendola, i verdi che fanno capo al gruppo dirigente di Legambiente, e poi movimenti e microcosmi: dei giuristi, degli attivisti dei beni comuni, pulviscoli di quella che fu la variegata identità della sinistra storica”.

Triskel182

LandiniLA PROTESTA DEL 25 OTTOBRE CONTRO IL JOBS ACT SARÀ LA PROVA GENERALE.

Ad occhio, il futuro prossimo di Maurizio Landini è niente male. Ma deve decidere presto su cosa puntare. Deve scegliere cioè se provare a scalare la segreteria della Cgil, come gli chiedono i golden boys del sindacato rosso, una schiera di quarantenni sempre più combattivi che ritrova nella sua libertà espressiva, quella mitraglia così effervescente e pop, la calibratura giusta per il dopo Camusso e un sindacato da rinnovare completamente. Oppure dare retta all’altra metà del cielo, la politica, e intestarsi la più rischiosa delle imprese ma anche la più suggestiva e forse importante: far nascere ai bordi del Partito democratico una sigla che raccolga gli invisibili, quell’elettorato vasto ma disperso e rassegnato all’attesa che qualcosa debba pur accadere nella sinistra italiana.  ERA GIÀ PRONTA una candidatura alle scorse politiche da lui naturalmente rifiutata. “Sto bene…

View original post 588 altre parole